L’Assistente Sociale non Ruba i Bambini

Affido e adozione: forme e pratiche della tutela dei minori in situazione di abuso e maltrattamento

ADOZIONI 2L’assistente sociale ruba i bambini? E’ il titolo di un libro scritto da Stefano Cirillo e Maria Valeria Cipolloni nel 1994 per indagare il rapporto – tipico del lavoro sociale – fra aiuto e controllo e per sfatare il mito dell’allontanamento del minore soggetto a forme di maltrattamento, quale modalità primaria di tutela messa in atto dall’Assistente sociale.
Infatti, priorità dell’intervento di aiuto posto in essere dall’assistente sociale e dalla rete dei servizi del territorio, è il «diritto [del minore] di essere educato nell’ambito della propria famiglia» (legge 4 maggio 1983, n. 184
“Disciplina dell’adozione e dell’affidamento dei minori”, art. 1, c. 1).
Questo diritto è ulteriormente precisato e rafforzato dalla legge 149 del 2001 che riforma la 184, definendo il Titolo I “DIRITTO DEL MINORE ALLA PROPRIA FAMIGLIA” ed affermando (art. 1) che:

“1.Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell’ambito della propria famiglia.
2. Le condizioni di indigenza dei genitori o del genitore esercente la potestà genitoriale non possono essere di ostacolo all’esercizio del diritto del minore alla propria famiglia. A tal fine a favore della famiglia sono disposti interventi di sostegno e di aiuto”.

Finalità e contenuti del Corso

Vero è che dagli anni ’60, con l’introduzione dell’istituto dell’adozione speciale (legge 5 giugno 1967, n. 431), si dibatte sulla legittimità dell’allontanamento dei minori in situazione di abbandono e sul collocamento definitivo in un’altra famiglia spezzando i legami di sangue, sullo stesso concetto di abbandono morale e materiale e sulle altre forme di tutela (affidamento familiare, inserimento in strutture di tipo familiare, ecc.), in un quadro globale sempre più complesso che prevede ulteriori forme ed istituti giuridici, come l’adozione internazionale, per assicurare il diritto ad “una famiglia” ai minori che ne sono privi.

Di fatto – quando il recupero della famiglia naturale si rivela impossibile, dentro condizioni e garanzie accettabili di serenità per il bambino maltrattato – le istituzioni, nelle quali operano assistenti sociali ed altri specialisti, hanno la responsabilità ed il dovere, professionale e deontologico, di percorrere la “via dell’allontanamento”.

All’approfondimento critico di questi temi è dedicato il Corso “L’Assistente Sociale non ruba i bambini” (ID 8636), che si propone di sondare – con l’apporto di autorevoli esperti – le ipotesi in campo per tutelare i minori in condizione di abbandono/maltrattamento o abuso: recupero della famiglia naturale, allontanamento, affido familiare, adozione, adozione internazionale.

Coordinatore Scientifico: Prof. Antonio NAPPI; Prof.ssa Patrizia MARZO
Assistente Sociale Elena ALLEGRI Sull’immagine dell’Assistente Sociale: luci, ombre e stereotipi
Assistente Sociale Simonetta
CAVALLI
Desiderare un figlio, adottare un bambino. L’Assistente Sociale nel percorso di valutazione e sostegno per la famiglia adottiva
Assistente Sociale Giuseppina MOSTARDI L’interazione fra Servizio Sociale, Giudice Minorile e famiglia abusante: dalla segnalazione al recupero
Assistente Sociale Giuseppina
MOSTARDI
Interviste:
1) Una mamma Adottiva
2) Un Adulto Adottato da Piccolo
3) La famiglia Adottiva
Magistrato Melita CAVALLO Affidamento ai servizi sociali, affido familiare e adozione. Evoluzione del quadro normativo: gli Attori e le forme della tutela; l’Adozione Mite
Avvocato Rosa CHIECO Tutela del minore: figura e ruolo del legale rappresentante
Psichiatra Giovanni Battista CAMERINI Famiglia maltrattante e maltrattamento psicologico. Allontanamento, elaborazione del lutto e adozione
Magistrato Silvia DELLA MONICA Adozioni internazionali: prassi, criticità e prospettive
Esp. Scolastico Anna GUERRIERI Affido, Adozioni, Adozioni Internazionali: il Ruolo della Scuola nei Processi di Integrazione e Recupero

8 docenze eccellenti per altrettante video-lezioni, oltre a 400 slide (scaricabili) e 3 interviste “dal vivo”… per un corso fruibile quando si vuole e dove si vuole.
Da computer, tablet e smartphone. Da oggi anche con App gratuita per utenti Apple!

Per una fruizione ottimale della Piattaforma si raccomanda l’utilizzo di Google Chrome.